THE LEGO® MOVIE™ era in stop-motion?

THE LEGO® MOVIE™ era in stop-motion?

Era la domanda sulla bocca di tutti dopo aver visto il film. Compresa la vostra, visto che state leggendo questo articolo. Ed è comprensibile, visto che l’obiettivo dichiarato dei registi del film era “assicurarsi che il pubblico fosse confuso su ciò che stava guardando, se fosse effettivamente in stop-motion o un film generato al computer”, ha detto lo scenografo Grant Freckelton a Vox nel 2017

Ma come tante grandi domande della vita, la risposta non è un semplice sì o no.

Questo perché il film è un ibrido. Utilizza l’animazione generata al computer di elementi LEGO® reali, realizzati in uno stile fotorealistico in stop-motion. (Non vi preoccupate, anche noi abbiamo dovuto rileggere la frase due volte.)

In questo articolo, abbiamo analizzato cosa significhi esattamente e abbiamo persino sbriciolato delle uova di Pasqua per strada!

Soprattutto, i registi di entrambi i film volevano che il film sembrasse fatto in casa, esattamente come se fosse stato creato da un bambino (anche se un bambino con un budget da Hollywood).

Come ha spiegato il co-regista Chris Miller nel documentario della Warner Bros del 2015 ‘Creating the Bricks’, “l’idea era di creare un film con i mattoncini LEGO [stop-motion] molto fatto in casa e cercare di renderlo il più cinematografico possibile, con l’illuminazione e le angolazioni della telecamera e il tipo di cose che si farebbero in un film live-action ad alto budget”.

Come ci sono riusciti?

Innanzitutto, vale la pena dire che tutto ciò che si vede nel film è fatto al 100% di mattoncini LEGO. Le varie città, pianeti, galassie, veicoli... tutto è stato progettato da zero, in un modo che ha seguito le “regole” dei pezzi LEGO nella vita reale, prima di essere digitalizzato. In altre parole, non un finto LEGO solo nell’aspetto esterno.

Come ha affermato il supervisore della computer grafica del film Aidan Sarsfield, “la tecnologia dei mattoncini che sta dietro a questo film è davvero notevole. Quando vi si presenta una vista di migliaia e migliaia di edifici, quegli edifici sono veri edifici LEGO che non sono finti, sono fatti di mattoncini”. – Creating the Bricks, 2015, Warner Bros.

Nel documentario, Chris Miller ha spiegato che il ragionamento alla base di questo era “se si bloccasse qualunque singolo fotogramma del film, sarebbe qualcosa che si potrebbe davvero costruire da soli”. Anche se si trattava di qualcosa di complesso come un’esplosione, un’onda oceanica o il fango schizzato sull’obiettivo di una fotocamera da una Batmobile™ LEGO filibustiera.

Per costruire accuratamente i set, mattoncino dopo mattoncino, i designer del film hanno utilizzato un programma di modellazione digitale. Ma invece di essere un software assurdamente costoso di cui non avete mai sentito parlare, il programma principale utilizzato era in realtà il nostro umile strumento di costruzione digitale, LEGO Digital Designer, disponibile gratuitamente per chiunque!

Ma mentre tali programmi replicherebbero fedelmente la fisicità della costruzione LEGO (ad esempio non permettendo a pezzi che non corrispondono tra loro di combaciare), il problema di affidarsi completamente a questi sarebbe stato che l’eventuale risultato avrebbe potuto non essere una pratica costruzione LEGO.

Ad esempio, in THE LEGO MOVIE 2™, i realizzatori volevano che il personaggio di Ultrakatty avesse più punte possibili. Ma è stato solo attraverso la sperimentazione e l’interazione con i prototipi della vita reale che i progettisti del film si sono resi conto che sebbene avere un sacco di punte potesse sembrare cool, sarebbe stato impossibile tenerla in mano adeguatamente per qualcuno che volesse giocarci.

Ora, vi starete chiedendo perché questo avrebbe dovuto essere un tale problema... se ha un aspetto cool?

Tutto torna all’obiettivo dei registi di far sembrare ogni parte dei film realizzata da un bambino. Se un bambino non fosse in grado di tenere in mano i modelli, intaccherebbe il... (sembra strano dirlo, ma il) “realismo” per il quale stavano così lottando. E così, i registi hanno avuto modo di giocare con innumerevoli prototipi reali dei personaggi prima di riprenderli. Scusate, abbiamo detto che ci giocassero? Intendevamo ‘valutassero’.

Tempo di uova di Pasqua! Si possono vedere un sacco di prototipi di personaggi, set e veicoli originali disseminati nelle scene live-action di entrambi i film!

All’animazione. Sebbene il film sia generato al computer, agli animatori del film (lo studio australiano Animal Logic) è stato chiesto di far seguire al film le leggi della stop-motion nel miglior modo possibile. Ciò significa che le piccole figure erano piuttosto limitate dalle loro dimensioni fisiche: i gomiti non potevano piegarsi, le gambe non potevano allungarsi e così via. Ci sono alcuni esempi di queste regole allentate, ad esempio quando un personaggio deve ‘annuire’. Ma, nel complesso, la regola di mettere in pausa i film in qualsiasi momento per poter ricreare ciò che era sullo schermo si è esteso anche ai personaggi.

Naturalmente, seguire le regole dell’animazione in stop-motion non è sufficiente per far sembrare i film fatti in casa. Per questo, avevano anche bisogno di imperfezioni. Il tipo di imperfezioni che sono state inserite con uno straordinario livello di precisione nei film. In “Creating the Bricks”, il co-regista Phil Lord parlava di “mettere tutta questa ricerca e sviluppo nel modo in cui ottenere macchie di impronte delle dita sui mattoncini LEGO”, e potete vedere i risultati dei loro considerevoli sforzi su molti dei personaggi, incluso il più delle volte sulla plastica lucida di Emmet.

Avete notano quelle macchie di impronte della dita?
Avete notano quelle macchie di impronte della dita?

Oltre a questo, i personaggi sono stati progettati pensando alle imperfezioni. In particolare, Benny, l’astronauta degli anni ‘80, è stato modellato sul vero astronauta giocattolo che Chris Miller aveva da quando era bambino ed era noto per avere un difetto di progettazione nell’elmetto che ne causava la rottura. (Nota a margine: possiamo dirlo? Abbiamo superato la prescrizione per cui ci è permesso di parlare dei difetti dei modelli LEGO di 40 anni fa? Se state leggendo questa frase, la risposta è “sì... credo”.) Questa è una citazione dal film, per chi non l’avesse capito.

C’è un’ultima domanda da porsi adesso - con tutto il lavoro per rendere costruibile ogni cosa, i microscopi e i diorami, l’infinita ricerca sulle imperfezioni e tutto il lavoro scrupoloso e la produzione necessari per farlo sembrare un film in stop-motion fatto in casa... Perché non farlo semplicemente in stop-motion?

Per rispondere, vi indirizzeremo semplicemente alla parte del primo film che è stato realizzato nel classico stile stop-motion: i titoli di coda. Realizzata da Stoopid Stoodios (meglio noti per il loro lavoro sul “Robot Chicken”), la sequenza di 3 minuti ha richiesto due mesi di lavoro a 3 animatori a tempo pieno. Gli incredibili dodici secondi finali dei titoli di coda, che presentano tutti i set precedenti animati contemporaneamente, hanno visto OGNUNO dei 3 animatori muovere 150 pezzi LEGO per ogni singolo FRAME. (!!!)

Il tempo e lo sforzo che sarebbero stati necessari per quella tecnica estesa a tutto il lungometraggio sarebbero stati quasi incalcolabili. Ma per fortuna, solo quasi... perché è stato scoperto quando era in fase di sviluppo il primo film. Per creare THE LEGO MOVIE™ in stop-motion ci sarebbero voluti 10 anni e 15 milioni di pezzi LEGO.

Forse lo proveranno per il prossimo film LEGO... anche se per nostra fortuna arriverà prima!

State cercando qualcosa di più?

Date un’occhiata alla homepage di Adults Welcome per vedere la nostra collezione di set e articoli per adulti!