È in arrivo il fine settimana Black Friday: 27/11-30/11Scopri di più

È in arrivo il fine settimana Black Friday: 27/11-30/11Scopri di più

Adulti LEGO® Benvenuti | Articoli | LEGO Mindfulness | LEGO.iit

Mindfulness e i mattoncini LEGO®

Negli ultimi anni, sempre più persone hanno utilizzato le costruzioni LEGO® per praticare l’arte della mindfulness.

Nel 2019, in collaborazione con DK Publishing e l’autrice Abbie Headon, abbiamo pubblicato un volume di self-help “Build Yourself Happy” che contiene più di 50 attività di costruzione LEGO basate sulla mindfulness e suggerimenti. (Puoi ammirare alcune delle nostre attività preferite sotto!)

Tuttavia, nonostante la crescente popolarità della mindfulness, rimane una certa confusione sul suo significato. La mindfulness non è una moda pseudo-scientifica, ma è in grado di alterare fisicamente e positivamente le funzioni cerebrali dei pazienti depressi, come un numero crescente di studi scientifici ha dimostrato.

Quindi abbiamo pensato di soffermarci un po’ di più sulla mindfulness e vedere perché gli psicologi consigliano le costruzioni LEGO per raggiungere questo stato di coscienza ottimale.

Abbiamo persino creato una nostra guida che illustra come praticare la mindfulness attraverso le costruzioni LEGO!

Cos’è la mindfulness?

La mindfulness è una pratica terapeutica pensata per aiutare le persone affette da ansia, stress e depressione a gestire queste sensazioni. Non si tratta di una cura risolutiva. Un numero crescente di persone è tuttavia convinta dei suoi benefici.

La mindfulness è essenzialmente una forma di meditazione che enfatizza l’essere consapevoli di ciò che sta accadendo all’individuo in un particolare momento, in termini di ambiente, corpo e mente. Chiede di notare e riconoscere tutti i sentimenti e le sensazioni nel corpo, senza giudicarli.

Questo concetto di “assenza di giudizio” è importante. Nel nostro cervello ha luogo una conversazione continua, una sorta di dialogo interno. A differenza di quello che si pensa, la mindfulness (e più in generale, la meditazione) non consiste nell’intervenire per fermare questi pensieri. Si tratta invece di fare un passo indietro.

Sei prono per una metafora? Noi sì.

Immagina di essere seduto sulla riva di un fiume, a guardare la corrente. Qualsiasi oggetto trasportato dalla corrente dell’acqua - legno, foglie, persino barche - rappresenta i tuoi pensieri e sentimenti. La mindfulness ti incoraggia a sederti sulla riva del fiume, osservando la sua corrente fluire liberamente. Sembra facile, vero? In realtà è piuttosto difficile. Soprattutto se c’è qualcosa che galleggia nel fiume che non ti piace. Quindi, poiché siamo essere umani, proviamo a saltare nel fiume, cercando di ripescare alcuni oggetti, o tentiamo di fermare la corrente, o nuotiamo cercando di afferrare le cose che galleggiano. E ci dimentichiamo che tutto quello che volevamo fare era stare seduti sulla riva del fiume osservando la sua corrente.

Questo è il motivo per cui la mindfulness non è una cura per i pensieri o le sensazioni spiacevoli. Aiuta invece a gestirli in un modo più positivo e costruttivo. E se i tuoi pensieri diventano troppo difficili da affrontare attraverso la mindfulness, dovrai, ovviamente, rivolgerti a un professionista.

Ecco un paio di consigli per cominciare.

Trova il tuo focus

Le tecniche di mindfulness spesso richiedono semplicemente di concentrarci sul nostro respiro. Il respiro è utile perché è continuo, dandoci non solo qualcosa su cui concentrarci inizialmente, ma qualcosa su cui riportare la nostra attenzione dopo le nostre riflessioni.

Perché la mente prenderà il volo. Ma questo non è un problema. È naturale. Fa così. Devi solo prenderne nota e riportare la tua mente al punto di partenza.

La tua attenzione, tuttavia, non deve concentrarsi necessariamente sul respiro. Non devi, per esempio, respirare in un modo particolare (basta respirare in modo stabile e calmo). Questo focus può quindi essere sostituito con una qualsiasi attività ripetitiva. Cucire, lavare i piatti e... sì, hai indovinato... costruire con i set LEGO®.

E non siamo solo noi a dirlo. L’interazione con i mattoncini LEGO viene regolarmente menzionata dai ricercatori del mondo accademico che si occupano di mindfulness, i quali la considerano un perfetto esempio di un’attività rilassante che tuttavia richiede un cero livello di impegno mentale.)

Ma qualunque sia il focus dell’attenzione, è molto importante esserne consapevoli.

Se è il focus è il respiro, pensa alla sensazione del petto che si alza e si abbassa. Se stai lavando i piatti, pensa al rumore delle stoviglie e dei bicchieri. Se stai usando i mattoncini LEGO, puoi concentrarti sul loro montaggio, sul suono che emettono quando costruisci e la sensazione del materiale contro le tue dita.

Non preoccuparti del risultato. Almeno per cominciare, il tuo obiettivo non è produrre un risultato buono o meno buono, ma semplicemente produrre qualcosa. Per questo motivo, è meglio evitare di costruire seguendo le istruzioni LEGO. È necessario invece concentrarsi sul processo di costruzione, al quale si può ritornare ogni volta che si comincia a perdere il focus.

Inoltre, non prestare attenzione al prodotto finale ha un suo valore intrinseco. Come Abbie Headon scrive in “Build Yourself Happy”, “a volte può essere molto divertente vivere senza un piano preciso”. Getta al vento il tuo istinto di pianificazione e scegli e assembla i mattoncini senza pensare a dove vuoi arrivare. Rimarrai sorpreso da ciò che puoi creare e ti renderai presto conto che non devi per forza seguire regole precise ogni volta.

“Quando non presti più attenzione a quello che ti dice il tuo critico interiore, potrai goderti il puro piacere della creazione, proprio come quando eri bambino”.

Passo passo

Per chi non conosce la mindfulness (o, almeno, la mindfulness LEGO), abbiamo creato una guida passo passo per aiutare i neofiti a iniziare.

  1. Mettiti comodo - non devi trovarti accanto a una cascata per provare una sensazione di zen... basta un posto tranquillo, familiare, dove sai che non sarai disturbato. E non devi incrociare le gambe se non ci riesci, solo perché lo fanno tutti. Sii te stesso.
  2. Costruisci un blocca-telefono – le persone controllano il loro smartphone in media ogni 10 minuti. Sebbene ci aiutino a connetterci al mondo, non ci consentono di raggiungere il nostro stato di coscienza ottimale). Per questo, Abbie Headon ha una soluzione carina. Scrive: “il modo più semplice per mettere il telefono fuori servizio per un po’ è scegliere uno dei tuoi mattoncini - quello che ha più bisogno di riposo - e concedergli una breve vacanza dal suo lavoro di costruzione” mettendolo sul tuo telefono. In questo modo, la prossima volta che hai voglia di controllare il tuo telefono, vedrai il mattoncino sonnecchiante su di esso... e non vorrai svegliarlo, vero?
  3. Comincia a concentrarti - posiziona i tuoi mattoncini LEGO davanti a te e inizia a costruire. Non preoccuparti di costruire qualcosa in particolare, concentrati solo sul processo di costruzione, mattoncino dopo mattoncino. Non hai bisogno di molto; Abbie dice che puoi usare solo 5 o 6 mattoncini. “A volte, meno è davvero di più”, scrive, “e limitando le nostre scelte possiamo limitare le distrazioni e scatenare la creatività”.
  4. Controlla: mentre ti concentri sulle sensazioni che derivano dalla costruzione, prendi nota anche delle sensazioni che derivano dal tuo corpo. A volte aiuta a fare una scansione mentale, dalla testa ai piedi. Mascelle serrate? Spalle curve? Sguardo fisso? Notalo e rilassati.
  5. Ricorda: la tua mente inizierà a prendere il volo, anche mentre costruisci. Notalo quando questo accade. Non irritarti, non diventare frustrato. Riporta delicatamente la tua attenzione alla costruzione e alla sensazione che deriva dai mattoncini.
  6. Rilassati, lentamente: quando senti di aver raggiunto il tuo obiettivo, non ha senso tornare subito alla realtà. Rilassarsi lentamente è un ottimo modo per assicurare che la mindfulness entri a far parte del resto della tua giornata (o della notte). Per questo, Abbie ha un altro suggerimento. “Scegli un gruppo di mattoncini. Senza pensarci troppo, assemblali formando una struttura e poi smontali di nuovo. Ripeti tutte le volte che vuoi, creando la stessa costruzione ogni volta o varianti diverse. Mentre costruisci e smonti, consenti alla tua mente di rilassarsi un po’, ogni volta di più. Se hai avuto una giornata stressante, puoi immaginare che i mattoncini rappresentino qualcosa che ti ha turbato. Smantellando i tuoi problemi e ricostruendo le parti in qualcosa di più soddisfacente, potrai lasciarti alle spalle le tue afflizioni”.

Infine, per altri suggerimenti e consigli sulla mindfulness LEGO, il volume “Build Yourself Happy” è disponibile sotto forma di eBook.